di Valentina Ferrari

Formatore PCT ed esperta in informatica giudiziaria applicata

 

Risale allo scorso marzo 2018 la pubblicazione di un’ulteriore pronuncia della Suprema Corte di Legittimità in merito all’annosa questione circa la tempestività o meno delle notificazioni effettuate a mezzo posta elettronica certificata oltre le ore 21:00 del giorno di scadenza del termine processuale normativamente sancito.

Ancora una volta, gli Ermellini sono stati chiamati a statuire in ordine all’ammissibilità di un ricorso per cassazione notificato dal difensore a mezzo PEC dopo le ore 21:00 del giorno di scadenza del termine di cui all’art. 327 c.p.c.

Fonte: Portale dei Servizi Telematici - 21 giugno 2018

Si comunica che, al fine di adeguarsi alla nuova versione delle Linee Guida sui pagamenti telematici emanata da AgID, nella compilazione delle RPT il campo firmaRicevuta deve essere impostato al valore 0. Nella sezione Documenti, al seguente link, è disponibile la versione aggiornata con le indicazione tecnico operative per i pagamenti telematici.

Link all'articolo originale

 

Il Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Firenze, facendo seguito alle delibere dell'Unione Lombarda degli Ordini Forensi e dell'Ordine degli Avvocati di Milano, fa propria la richiesta di ripristino immediato del servizio di consultazione dell'archivio giurisprudenziale.

Rinnoviamo pertanto l'auspicio che il servizio venga al più presto ripristinato, non essendo stata addotta alcuna congrua motivazione a giustificazione della sospensione della funzione "archivio giurisprudenziale" che, lo ribadiamo, costituisce un utile e legittimo strumento a disposizione dei difensori, anche ai fini della conoscibilità e prevedibilità delle decisioni di merito nonché per il consolidamento di orientamenti giurisprudenziali condivisi, anche in ottica deflattiva del contenzioso giudiziale.

Il tutto a maggior ragione alla luce della richiesta di ripristino del servizio espressa anche dall'Ordine degli Avvocati di Firenze che ha condiviso le delibere già adottate sul punto dall'Unione Lombarda degli Ordini Forensi e dall'Ordine degli Avvocati di Milano.
 
Approfondimenti
Sospensione Archivio di Merito: l'Unione Lombarda degli Ordini Forensi chiede al Ministero l'immediato ripristino - LINK
Delibera Ordine Avvocati Firenze - PDF
Delibera Ordine Avvocati Milano - PDF
Delibera Unione Lombarda Ordine Forensi - LINK

 

Il d.m. 8 marzo 2018, n. 37 Regolamento recante modifiche al decreto 10 marzo 2014, n. 55, concernente la determinazione dei parametri per la liquidazione dei compensi per la professione forense, ai sensi dell'articolo 13, comma 6, della legge 31 dicembre 2012, n. 247, pubblicato il 26 aprile 2018 (GU n. 96 del 26/4/2018) e entrato in vigore il giorno successivo alla pubblicazione, ha introdotto, in seno al d.m. 10 marzo 2014, n. 55, l’art. 4, comma 1-bis, a tenore del quale:

Il compenso determinato tenuto conto dei parametri generali di cui al comma 1 è di regola ulteriormente aumentato del 30 per cento quando gli atti depositati con modalità telematiche sono redatti con tecniche informatiche idonee ad agevolarne la consultazione o la fruizione e, in particolare, quando esse consentono la ricerca testuale all'interno dell'atto e dei documenti allegati, nonché la navigazione all'interno dell'atto.

Come ottenere la liquidazione del compenso maggiorato del 30%?

Sull'argomento, segnaliamo che su Consolle Avvocato è disponibile l'ebook "Principio di sinteticità e tecniche di redazione dell’atto telematico" della d.ssa Chiara Imbrosciano, esperto formatore PCT e Dottoranda di ricerca in Diritto Processuale Civile (università degli studi Milano-Bicocca).

Principio di sinteticità e tecniche di redazione dell’atto telematico - Smart-EBook

Hai bisogno di assistenza per acquistare lo smart-Ebook? Clicca qui