Fonte: Portale dei Servizi Telematici - 7 dicembre 2018

Con riferimento alla news precedente, si comunica la risoluzione della problematica dei rallentamenti nella verifica della firma digitale apposta sui depositi telematici e la rielaborazione in corso dei depositi in errore.

Link all'articolo originale

 

Fonte: Portale dei Servizi Telematici - 6 dicembre 2018

Si comunica che nella giornata odierna potrebbero verificarsi alcuni rallentamenti nella verifica della firma digitale apposta sui depositi telematici pertanto alcuni depositi potrebbero risultare in errore fatale. Non è necessario effettuare un nuovo deposito.

Link all'articolo originale

 

Fonte: Portale dei Servizi Telematici - 29 novembre 2018

Si informa che, relativamente all’utilizzo del sistema WISP come sistema unico di selezione delle modalità di perfezionamento di un pagamento telematico, AgID ha comunicato di aver risolto la quasi totalità della anomalie che hanno riguardato i PSP attivi per il servizio con carta e, inizialmente, i PSP aderenti al servizio MyBank. Potrebbero ancora sussistere problemi di autorizzazione per le carte emesse dal gruppo Credit Agricolè e per le carte del circuito Maestro registrate sull’account che l’utente ha creato sul WISP (metodo di pagamento salvato). Il servizio di pagamento con carta per Poste Italiane e American Express tornerà disponibile probabilmente la prossima settimana, quello per Monte dei Paschi di Siena solo successivamente.

AgID ha, inoltre, chiarito che non è possibile, al momento, pagare con carta importi superiori ai 1500€: in questo caso il WISP non restituirà alcuna possibilità di scelta del PSP evitando così di ottenere ricevute di ‘transazione negata’.

AgID suggerisce, qualora utenti residui rilevino difficoltà di pagamento per carte che rientrano nelle casistiche ancora in via di risoluzione (ad eccezione delle carte American Express), di selezionare “Altre modalità di pagamento” e procedere scegliendo “iConto pagamento con carte”. Tale scelta porterà l’utente sulla pagina del PSP e lì potrà procedere con il pagamento inserendo i dati della carta”

Link all'articolo originale

 

 

Fonte: Portale dei Servizi Telematici - 21 novembre 2018

Si comunica che, al fine di consentire l’installazione di modifiche correttive sui sistemi del civile si procederà alla interruzione degli stessi con le seguenti modalità temporali:
  • per tutti gli uffici giudiziari dei distretti di Corte di Appello dell’intero territorio nazionale, compresi i Giudici di Pace, ed il Portale dei Servizi Telematici dalle ore 17:00 del giorno venerdì 23 novembre e sino, presumibilmente, alle ore 08:00 del giorno lunedì 26 novembre c.a.
Si precisa che, durante l’esecuzione delle attività di manutenzione, rimarranno attivi i servizi di posta elettronica certificata e saranno, quindi, disponibili le funzionalità relative al deposito telematico da parte degli avvocati, dei professionisti e degli altri soggetti abilitati esterni anche se i messaggi relativi agli esiti dei controlli automatici potrebbero pervenire solo al riavvio definitivo di tutti i sistemi.
Durante le summenzionate interruzioni programmate non sarà pertanto possibile consultare i fascicoli degli uffici dei distretti coinvolti dal fermo dei sistemi.

Per tutti gli utenti “interni” (Magistrati e cancellieri), durante il periodo di interruzione dei sistemi, non sono disponibili i registri di cancelleria e quindi, per i cancellieri, non sarà possibile procedere all’aggiornamento dei fascicoli, all’invio dei biglietti di cancelleria e all’accettazione dei depositi telematici, mentre non sarà possibile aggiornare i dati dei fascicoli sulla Consolle del Magistrato.

Si rammenta che l’attività di manutenzione del Portale dei Servizi Telematici renderà indisponibili tutti i servizi informatici del settore civile e, in particolare:
  • l’aggiornamento (anche da fuori ufficio) della consolle del magistrato;
  • Il deposito telematico di atti e provvedimenti da parte dei magistrati;
  • tutte le funzionalità del portale dei servizi telematici;
  • tutte le funzioni di consultazione da parte dei soggetti abilitati esterni;
  • i pagamenti telematici compreso il pagamento del contributo di pubblicazione di un’inserzione sul Portale delle Vendite.

 

Link all'articolo originale