Cass., sez. 2, ord. 19 marzo 2019 n. 7685 (Pres. San Giorgio, rel. Dongiacomo)

ATTENZIONE

L’attività redazionale di anonimizzazione e di pubblicazione in un formato accessibile dei testi dei provvedimenti richiede un impegno notevole. I provvedimenti sono pubblici e possono essere liberamente riprodotti: qualora vengano estrapolati dal presente sito, si prega di citare quale fonte www.processociviletelematico.it

Impugnazioni – Ricorso per cassazione – Redazione come documento informatico – Notifica a mezzo PEC – Deposito di copia analogica e dell’attestazione di conformità – Mancanza – Inammissibilità

 

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE
SECONDA SEZIONE CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MARIA ROSARIA SAN GIORGIO – Presidente –
Dott. MARIO BERTUZZI – Consigliere –
Dott. ANTONINO SCALISI – Consigliere –
Dott. ANNAMARIA CASADONTE – Consigliere –
Dott. GIUSEPPE DONGIACOMO – Rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente

ORDINANZA

sul ricorso NN/AA proposto da:

B. M. R., elettivamente domiciliato a Roma, ***, presso lo studio dell’Avvocato M. A. che la rappresenta e difende per procura speciale a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

C. P., C. A., B. F., B. L., B. W., B. T., D. I.;

– intimati –

avverso la sentenza n. NN/AA della CORTE D’APPELLO DI MILANO, depositata il 16/1/2015; udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non partecipata del 9/1/2019 dal Consigliere GIUSEPPE DONGIACOMO;

FATTI DI CAUSA

La corte d’appello di Milano, con la sentenza in epigrafe, ha respinto l’appello proposto da M. R. B. nei confronti della sentenza pronunciata dal tribunale di Voghera in data 11/10/2011.

M. R. B., con ricorso spedito per la notifica a T. B. e I. D. in data il 4/7/2015 e trasmesso a mezzo PEC in data 3/7/2015 a P. C., A. C., F. B., L. B. e W. B., ha chiesto, per tre motivi, la cassazione della sentenza pronunciata dalla corte d’appello, dichiaratamente non notificata.

RAGIONI DELLA DECISIONE

1.Con il primo motivo, la ricorrente ha lamentato la violazione dell’art. 183 c.p.c. nonché degli artt. 217 c.p.c. e 101 disp. att. c.p.c., in relazione all’art. 360 n. 3 c.p.c..

2.Con il secondo motivo, la ricorrente ha lamentato la violazione dell’art. 132 n. 4 c.p.c., in relazione all’art. 360 n. 3 e n. 4 c.p.c..

3.Con il terzo motivo, la ricorrente ha lamentato la falsa applicazione dell’art. 96, comma 1°, c.p.c., in relazione all’art. 360 n. 3 c.p.c..

4.Il ricorso è inammissibile.

5.La ricorrente, infatti, per ciò che riguarda la notifica del ricorso eseguita a mezzo del servizio postale, non ha depositato i relativi avvisi di ricevimento. Ed è, invece, noto dalla legge in funzione della prova dell’avvenuto perfezionamento del procedimento notificatorio e, dunque, dell’avvenuta instaurazione del contraddittorio. Ne consegue che l’avviso non allegato al ricorso e non depositato successivamente può essere prodotto fino all’udienza di discussione ex art. 379 c.p.c., ma prima che abbia inizio la relazione prevista dal comma 1 della citata disposizione, ovvero fino all’adunanza della corte in camera di consiglio prevista dall’art. 380 bis c.p.c., anche se non notificato mediante elenco alle altre parti nel rispetto dell’art. 372, comma 2, c.p.c. Tuttavia, in caso di mancata produzione dell’avviso di ricevimento ed in assenza di attività difensiva dell’intimato, il ricorso per cassazione è inammissibile, non essendo consentita la concessione di un termine per il deposito e non ricorrendo i presupposti per la rinnovazione della notificazione ex art. 291 c.p.c. (Cass. n. 18361 del 2018; Cass. SU n. 627 del 2008). In tema di ricorso per cassazione, infatti, la prova dell’avvenuto perfezionamento della notifica dell’atto introduttivo, ai fini della sua ammissibilità, dev’essere data tramite la produzione dell’avviso di ricevimento, la cui assenza può essere superata non con la rinnovazione, atteso che, pur non traducendosi in un caso d’inesistenza, non determina neppure la mera nullità, ma solo con la costituzione della controparte, che dimostra l’avvenuto completamento del procedimento, ovvero con la richiesta di rimessione in termini della parte stessa in funzione del deposito dell’avviso che affermi non aver ricevuto, che presuppone, però, la prova della tempestiva richiesta all’amministrazione postale, a norma dell’art. 6, comma 1°, della I. n. 890 del 1982, di un duplicato dell’avviso stesso ovvero dell’impossibilità, nonostante la normale diligenza, di tale attività (Cass. n. 26108 del 2015): ciò che nel caso di specie non risulta accaduto. Che la produzione dell’avviso di ricevimento del piego raccomandato contenente la copia del ricorso per cassazione spedita per la notificazione a mezzo del servizio postale, ai sensi dell’art. 149 c.p.c., o della raccomandata con la quale l’ufficiale giudiziario dà notizia al destinatario dell’avvenuto compimento delle formalità di cui all’art. 140 c.p.c., è richiesta

6.Per ciò che riguarda, invece, la notifica del ricorso a mezzo PEC, la Corte prende atto che la ricorrente ha depositato in cancelleria la “relazione di notifica a mezzo P.E.C.” dalla quale si evince che l’avv. M. A., quale difensore di M. R. B., ha notificato il ricorso per cassazione (asseritamente) allegato, firmato digitalmente, a P. C., A. C., F. B., L. B. e W. B., presso gli indirizzi pec dell’avv. F. G. e dell’avv. P. C., difensori degli stessi nel giudizio d’appello: non risulta, invece, che la ricorrente abbia depositato né la copia analogica del ricorso per cassazione predisposto in originale telematico e notificato a mezzo PEC né l’attestazione di conformità del difensore, con sottoscrizione autografa, prevista dall’art. 9, commi 1 bis e 1 ter, della I. n. 53 del 1994. Ora, com’è noto, il deposito in cancelleria, nel termine di venti giorni dall’ultima notifica, di copia analogica del ricorso per cassazione predisposto in originale telematico e notificato a mezzo PEC, senza attestazione di conformità del difensore ex art. 9, commi 1 bis e 1 ter, della I. n. 53 del 1994 o con attestazione priva di sottoscrizione autografa, non ne comporta l’improcedibilità ove il controricorrente (anche tardivamente costituitosi) depositi copia analogica del ricorso ritualmente autenticata ovvero non abbia disconosciuto la conformità della copia informale all’originale notificatogli ex art. 23, comma 2, del d.lgs. n. 82 del 2005. Viceversa, ove il destinatario della notificazione a mezzo PEC del ricorso nativo digitale rimanga solo intimato (così come nel caso in cui non tutti i destinatari della notifica depositino controricorso) ovvero disconosca la conformità all’originale della copia analogica non autenticata del ricorso tempestivamente depositata, per evitare di incorrere nella dichiarazione di improcedibilità sarà onere del ricorrente depositare l’asseverazione di conformità all’originale della copia analogica sino all’udienza di discussione o all’adunanza in camera di consiglio (Cass. SU n. 22438 del 2018): ciò che, nella specie, non è accaduto.

7.Nulla per le spese di lite.

8.La Corte dà atto della sussistenza dei presupposti per l’applicabilità dell’art. 13, comma 1-quater, del d.P.R. n. 115 del 2002, nel testo introdotto dall’art. 1, comma 17, della I. n. 228 del 2012.

P.Q.M.

La Corte così provvede: dichiara l’inammissibilità del ricorso; dà atto della sussistenza dei presupposti per l’applicabilità dell’art. 13, comma 1-quater, del d.P.R. n. 115 del 2002, nel testo introdotto dall’art. 1, comma 17, della I. n. 228 del 2012.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Seconda Civile, il 9 gennaio 2019.

Il Presidente
Dott. Maria Rosaria San Giorgio

Seguici e condividi sui social: