La firma digitale ed i suoi formati

La firma PAdES

Trattandosi di una estensione dello standard Portable Document Format, codificato con ISO/IEC 32000, il formato di firma PAdES (Pdf Advanced Electronic Signatures) ha come primo grande vantaggio la possibilità di visualizzare il documento sottoscritto con un qualsiasi lettore di file PDF, anche mobile (si veda la seguente pagina su Wikipedia per un elenco sicuramente non esaustivo:  http://en.wikipedia.org/wiki/List_of_PDF_software).

L’architettura del formato PAdES consente di gestire inoltre, all’interno dello stesso file, più versioni di uno stesso documento (versioning), consentendo quindi di poter inserire modifiche o annotazioni successivamente alla firma su una copia, senza andare ad inficiare la validità del documento firmato originariamente.

 

 

E’ possibile altresì firmare parzialmente il contenuto di documento PDF ed inserire una rappresentazione grafica della firma digitale apposta.

La gestione della firma multipla da parte di più soggetti sullo stesso documento è gestita secondo le modalità di versioning, ciò consente di individuare, tracciare e verificare eventuali modifiche apportati al documento sottoscritto dai successivi firmatari.

 

La verifica di un PDF firmato PAdES con Adobe Reader

 

Come già detto il PDF firmato può essere aperto e visualizzato da qualsiasi reader, tuttavia per la verifica effettiva delle firme digitali apposte è necessario utilizzare una versione recente di Adobe Reader su computer Windows o Mac, impostando i parametri avanzati di sicurezza in modo da riconoscere le Certification Autority accreditate in Italia, come specificato sulla specifica pagina di AgID: http://www.agid.gov.it/agenda-digitale/infrastrutture-architetture/firme-elettroniche/firma-pdf