Si’ alle udienze civili e penali via Skype: il provvedimento D.G.S.I.A.

Con provvedimento in data 10 marzo 2020, il Direttore Generale per i Sistemi Informativi Automatizzati (DGSIA) ha stabilito che le udienze civili possono svolgersi mediante collegamenti da remoto organizzati dal giudice utilizzando i seguenti programmi già a disposizione dell’Amministrazione: Skype for Business e Teams.

Rinviate le udienze civili fino al 9 marzo: lo dice il Presidente del Tribunale di Milano

Con provvedimento in data 3 marzo 2020, il Presidente del Tribunale di Milano Roberto Bichi, sentita anche la Presidente della Corte di Appello di Milano, ha disposto che i giudici del settore civile procedano al rinvio, a data congrua, delle cause per cui era fissata udienza tra il 4 e il 9 marzo compreso.

COVID-19 e PCT: obbligatorietà per gli atti introduttivi

Nel settore civile anche gli atti, per i quali la legge consente il deposito cartaceo, dovranno essere depositati telematicamente.
Così prevede la nota congiunta adottata in data 28 febbraio 2020 dal Presidente del Tribunale di Milano Roberto Bichi, di concerto con il dirigente amministrativo, per regolare gli accessi a segreterie e cancellerie civili e penali.

Dal 28 febbraio 2020 a valore legale le comunicazioni e notificazioni telematiche di cancelleria degli Uffici del Giudice di pace di Avellino, Cirò, Crotone, Cuneo, Lercara Friddi e Messina – settore civile

Fonte: Portale dei Servizi Telematici – 24 febbraio 2020

Sono stati pubblicati nella Gazzetta Ufficiale n. 36, serie generale, del 13 febbraio 2020 i decreti ministeriali del 24 gennaio 2020 che accertano la funzionalità dei servizi di comunicazione degli Uffici del Giudice di Pace di Avellino, Cirò, Crotone, Cuneo, Lercara Friddi e Messina. Ai sensi dell’art. 16, commi 9, lett. d, e 10, del d.l. n. 179/2012 e succ. mod., a partire dal 28 febbraio 2020 le comunicazioni e notificazioni telematiche di cancelleria eseguite nel settore civile da detti Uffici hanno valore legale e trovano applicazione le disposizioni dei commi da 4 a 8 del medesimo articolo.

Link all’articolo originale