Trib. Ravenna, ord. 8 maggio 2017 (est. Vicini)

 

ATTENZIONE

L’attività redazionale di anonimizzazione e di pubblicazione in un formato accessibile dei testi dei provvedimenti richiede un impegno notevole. I provvedimenti sono pubblici e possono essere liberamente riprodotti: qualora vengano estrapolati dal presente sito, si prega di citare quale fonte www.processociviletelematico.it

 

Comparsa di costituzione e risposta – Deposito per via telematica – Errore fatale – Rifiuto della cancelleria – Ulteriore deposito – Tempestività – Sussiste

 

TRIBUNALE ORDINARIO di RAVENNA

Nella causa civile iscritta al n. r.g. *** promossa da:

*** SPA (C.F. ***), con il patrocinio dell’avv. *** e dell’avv. ***, elettivamente domiciliato in presso il difensore avv. ***

ATTORE/I

contro

*** SPA (C.F. ***), con il patrocinio dell’avv. B.F. e dell’avv. , elettivamente domiciliato in *** presso il difensore avv. B.F.

CONVENUTO/I

Il Giudice dott. Alessia Vicini,

a scioglimento della riserva assunta all’udienza del 03/05/2017,

ha pronunciato la seguente

ORDINANZA

osservato che appare condivisibile la pronuncia resa in caso analogo dal Tribunale di Bologna con decr. n. 13725 del 12.12.2016 secondo cui “è tempestiva la costituzione della parte che, dopo aver presentato telematicamente la propria comparsa ed aver ricevuto in termini la c.d. seconda PEC” di avvenuta consegna alla Cancelleria del Tribunale “si sia vista rifiutare dalla cancelleria…il suddetto deposito a causa di un errore fatale incolpevole ed abbia spontaneamente provveduto alla rinnovazione dell’incombenza” nel corretto formato .pdf ex art. 34 D.M. 44/2011;

rilevato infatti che ex art. 16 bis co. 7 D.L. 179/2012 il quale rimandando al Provv. DGSIA 16.04.2014 afferma come “il deposito con modalità telematiche si ha per avvenuto al momento in cui viene generata la ricevuta di avvenuta consegna (la c.d. seconda PEC) da parte del gestore di posta elettronica certificata del Ministero della Giustizia escludendo quindi che le comunicazioni successive quali i controlli automatici e l’accettazione vera e propria possano inficiare sul buon esito della procedura (così anche Tribunale di Torino 11.6.15);

P.Q.M.

dichiara tempestivo il deposito della comparsa effettuato in data 12.04.17;

concede termini ex art. 183/6 cpc e rinvia al *** ore 10.

Si comunichi.

Ravenna, 8 maggio 2017

Il Giudice

dott. Alessia Vicini

Seguici e condividi sui social: