ATTENZIONE
L'attività redazionale di anonimizzazione e di pubblicazione in un formato accessibile dei testi dei provvedimenti richiede un impegno notevole. I provvedimenti sono pubblici e possono essere liberamente riprodotti: qualora vengano estrapolati dal presente sito, si prega di citare quale fonte www.processociviletelematico.it
 
Impugnazioni - Ricorso per cassazione - Deposito della copia autentica della sentenza impugnata e della relata di notifica (art. 369, c. 2, n. 2 c.p.c.) - Deposito in sede di memoria ex art. 372 c.p.c. - Improcedibilità
 

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SESTA SEZIONE CIVILE – 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PASQUALE D'ASCOLA - Presidente -

Dott. LORENZO ORILIA - Consigliere -

Dott. ALBERTO GIUSTI - Consigliere -

Dott. ELISA PICARONI - Rel. Consigliere -

Dott. ANTONINO SCALISI - Consigliere -

ha pronunciato la seguente

ORDINANZA

sul ricorso NN-AA proposto da:

P. V., elettivamente domiciliato in ROMA, ***, presso lo studio dell'avvocato L. D. B., rappresentato e difeso dagli avvocati H. N., G. B.;

- ricorrente -

Contro

L. V., P. M. G., elettivamente domiciliati in ROMA, ***, presso lo studio dell'avvocato S. C., rappresentati e difesi dall'avvocato P. B.;

- controricorrenti -

avverso la sentenza n. 301/2016 della CORTE D'APPELLO di MILANO, depositata il 28/01/2016;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non partecipata del 26/10/2017 dal Consigliere dott. Elisa Picaroni.

MOTIVI IN FATTO ED IN DIRITTO DELLA DECISIONE

Ritenuto che V. P. ricorre per la cassazione della sentenza della Corte d'appello di Milano, depositata in data 28 gennaio 2016 e notificata in data 1 febbraio 2016, che ha accolto l'appello proposto da M. P. e V. L. avverso la sentenza del Tribunale di Milano - sezione distaccata di Legnano n. 8003 del 2014;

che il Tribunale aveva accolto la domanda del sig. P., promissario acquirente dell'immobile di proprietà dei sigg. P.-L., ritenendo legittimo il recesso di P. dal preliminare per mancato rilascio del certificato di abitabilità prima del rogito, ed aveva condannato i convenuti al pagamento dell'importo di euro 35 mila a titolo di restituzione di quanto versato in esecuzione del preliminare e del doppio della caparra;

che la Corte d'appello ha ritenuto, invece, illegittimo il recesso del promissario acquirente ed accertato il diritto dei promittenti venditori a trattenere gli importi ricevuti;

che V. P. ricorre con quattro motivi, ai quali resistono con controricorso M. P. e V. L.;

che il relatore ha formulato proposta di decisione, ai sensi dell'art. 380-bis cod. proc. civ., di improcedibilità del ricorso per mancato deposito della copia autentica della sentenza impugnata con la relazione di notificazione, effettuata con modalità telematica;

che il ricorrente ha depositato memoria con allegata la documentazione indicata;

che il ricorso è improcedibile;

che il ricorso risulta spedito per la notifica in data 31 marzo 2016, e quindi dopo che erano trascorsi oltre 60 giorni dalla data di pubblicazione della sentenza impugnata (28 gennaio 2016), sicché non può farsi applicazione del principio secondo cui, pur in difetto di produzione di copia autentica della sentenza impugnata e della relata di notificazione della medesima, il ricorso per cassazione deve egualmente ritenersi procedibile ove risulti, dallo stesso, che la sua notificazione si è perfezionata, dal lato del ricorrente, entro il sessantesimo giorno dalla pubblicazione della sentenza (Cass., 10/07/2013, n. 17066); che del pari non può trovare applicazione il principio sancito da Cass. Sez. U. 02/05/2017, n. 10648, secondo cui deve escludersi la possibilità di applicazione della sanzione della improcedibilità nel caso in cui la relata di notifica risulti comunque nella disponibilità del giudice, perché prodotta dalla parte controricorrente ovvero acquisita mediante l'istanza di trasmissione del fascicolo di ufficio;

che, nella specie, soltanto in sede di memoria ex art. 372 cod. proc. civ, il ricorrente ha depositato la copia cartacea della sentenza, della relata di notifica e del messaggio pec con relativa attestazione di conformità agli originali ricevuti in formato digitale tramite pec in data 1 febbraio 2016; che il deposito suddetto è avvenuto oltre il termine di cui all'art. 369, primo comma, cod. proc. civ., e quindi non può valere ad evitare la sanzione della improcedibilità del ricorso (ex plurimis, Cass. Sez. U. 16/04/2009, n. 9005);

che non è rilevante in senso contrario la circostanza che la notifica è stata effettuata, come già detto, in forma Ric. 2016 n. 08839 sez. M2 - ud. 26-10-2017 3 telematica, ai sensi dell'art. 3-bis del decreto-legge n. 179 del 2012, conv. con modif. dalla legge n. 221 del 2012;

che in proposito si richiama l'ordinanza 22 dicembre 2017, n. 30765 pronunciata dalla Sezione sesta nella composizione prevista dal par. 41.2. delle tabelle di questa Corte;

che la suddetta pronuncia, di valenza nomofilattica, si è soffermata sulla questione del deposito degli atti comprovanti l'avvenuta notifica in via telematica del provvedimento impugnato nel giudizio di cassazione, che si svolge tuttora in forma analogica - fatta eccezione per le comunicazioni e notificazioni da parte delle cancellerie delle sezioni civili (D.M. giustizia 19 gennaio 2016) - ed ha ritenuto necessario il deposito delle copie cartacee degli atti digitali, con attestazione di conformità, confermando i numerosi precedenti arresti di questa Corte (ex plurimis, Cass. n. 6657 del 2017);

che, all'esito della ricognizione del quadro normativo, l'ordinanza n. 30765 del 2017 ha evidenziato che, in forza del combinato disposto degli artt. 9, comma 1-bis, 3 e 3-bis della legge n. 53 del 1994, l'avvocato, in qualità di pubblico ufficiale, ha il potere di attestare la conformità agli originali digitali delle copie del messaggio di posta elettronica certificata inviato all'avvocato di controparte, delle ricevute di accettazione e di avvenuta consegna, nonché degli atti allegati, comprensivi della relazione di notificazione;

che tale potere di attestazione è stato esteso, dal comma 1-ter del citato art. 9 (comma aggiunto nel 2014), a tutti i casi in cui la parte deve offrire la prova della notificazione;

che, pertanto, l'avvocato che intende proporre ricorso per cassazione avverso il provvedimento che gli è stato notificato con modalità elettroniche è in grado di procedere agli Ric. 2016 n. 08839 sez. M2 - ud. 26-10-2017 4 adempimenti richiesti dall'art. 369 cod. proc. civ., che si risolvono nel deposito nella cancelleria della Corte della copia cartacea del messaggio di posta elettronica ricevuto e dei relativi allegati, atto impugnato e relazione di notifica, e nell'attestazione della conformità dei documenti agli originali digitali; che la stessa ordinanza n. 30765 del 2017 ha ribadito i principi fondamentali in tema di procedibilità del ricorso per cassazione (allegazione al ricorso per cassazione di copia autentica della sentenza e della relazione di notificazione; sanabilità della carenza originaria con il deposito successivo purché entro il termine di venti giorni dalla notifica del ricorso; rilevabilità d'ufficio del mancato deposito dell'uno o dell'altro atto; irrilevanza della eventuale non contestazione da parte del controricorrente; insussistenza della improcedibilità quando il ricorso risulta notificato nel rispetto del termine breve d'impugnazione decorrente dalla data di pubblicazione della sentenza impugnata), espressamente ritenuti applicabili in caso di ricorso avverso provvedimento notificato in via telematica;

che, pertanto, si deve escludere in radice la denunciata aporia nel sistema normativo all'epoca della introduzione del presente ricorso (2016), con la conseguenza che non sussisteva per il ricorrente l'impossibilità di assolvere all'onere imposto dall'art. 369 cod. proc. civ. e che non ricorrono i presupposti per ritenere che il ricorrente sia incorso in errore scusabile;

che l'onere di deposito nei termini indicati palesemente non configura una restrizione "sproporzionata" al diritto di accesso al giudice di legittimità, incompatibile con l'art. 6 Cedu;

che, in conclusione, il ricorso deve essere dichiarato improcedibile, con onere delle spese a carico del ricorrente;

che sussistono i presupposti per il raddoppio del contributo unificato.

PER QUESTI MOTIVI

La Corte dichiara improcedibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese del presente giudizio, che liquida in complessivi euro 3.700,00, di cui euro 200,00 per esborsi, oltre spese generali e accessori di legge.

Ai sensi dell'art. 13, comma 1-quater, del d.P.R. n. 115 del 2002, dichiara la sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell'ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso, a norma del comma 1-bis dello stesso art. 13.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio della VI-II Sezione civile della Corte suprema di Cassazione, il 26 ottobre 2017.

Il Presidente