Dal 1° gennaio 2017 è in vigore il Processo Amministrativo Telematico (PAT).

Ai sensi dell'art. 7, comma 3, D.L. 168/2016, nei procedimenti di primo o secondo grado incardinati con ricorsi depositati a far data dal 1°  gennaio 2017, il deposito di tutti gli atti processuali e provvedimenti giurisdizionali deve avvenire fin da subito ed esclusivamente con modalità telematiche. 

Ai ricorsi depositati anteriormente a tale data, continuano ad applicarsi, fino all'esaurimento del grado di giudizio nel quale sono pendenti e comunque non oltre il 1° gennaio 2018, le norme previgenti.

La rivoluzione del Processo Amministrativo Telematico (indicato con l’acronimo PAT) riguarda parimenti e in modo dirompente i difensori, i giudici, gli ausiliari del giudice ed anche la parte privata, quando autorizzata a stare in giudizio personalmente: tutti egualmente onerati dall’obbligo di sottoscrivere digitalmente e depositare telematicamente ogni atto o provvedimento.

In queste pagine, dedicate in modo specifico al Processo Amministrativo Telematico, sarà possibile reperire normativa, dottrina, giurisprudenza e molte informazioni di supporto per tutti coloro che saranno interessati da un così profondo cambiamento della giurisdizione amministrativa.

Dalla voce "PAT" nel menù principale del sito si accede alle sezioni riservate al Processo Amministrativo Telematico:

Articoli

News

Normativa