di Chiara Imbrosciano

Formatore PCT ed esperta in informatica giudiziaria applicata

 

In un tentativo di reductio ad unum delle problematiche interpretative relative alla rilevanza della nullità della notifica a mezzo pec, un passaggio obbligato è rappresentato dalla lettura della sentenza in esame. Adite per risolvere una questione di giurisdizione ex art. 360, comma 1, n. 1 c.p.c e art. 110 c.p.a., le Sezioni Unite, con la sentenza n. 7665 del 2016, depositata il 18 aprile scorso, trattano in via incidentale la questione, che qui interessa, della regolarità formale delle notifiche in proprio a mezzo pec.

 

di Chiara Imbrosciano

Formatore PCT ed esperta in informatica giudiziaria applicata

 

Destano qualche perplessità le numerose pronunce di merito che di recente si sono occupate, con esiti diversi e talvolta imprevedibili, di accogliere, ovvero rigettare, le istanze di rimessioni in termini presentate dalle parti incorse in decadenza nel deposito eseguito telematicamente, a causa di un’anomalia, rectius un errore, non emendato prima del decorso del termine. Tali pronunce suggeriscono l’esigenza d’indagare il coordinamento della legislazione in materia di processo telematico con il disposto di cui all’art. 153, 2° comma, c.p.c., a tenore del quale “la parte che dimostra di essere incorsa in decadenze per causa ad essa non imputabile può chiedere al giudice di essere rimessa in termini”.

 

La sezione "Giurisprudenza" è stata aggiornata con l'inserimento dei seguenti provvedimenti:

Deposito per via telematica – Esito controlli automatici – Errore “imprevisto” – Segnalazione – Difetto di specificità (necessità di verifiche da parte dell’ufficio ricevente) – Istanza di rimessione in termini – Accoglimento

Ricorso per cassazione – Notifica via PEC – Termine annuale – Notifica effettuata dopo le ore 21 – Perfezionamento – Ore 7 del giorno successivo – Scissione del momento perfezionativo per il notificante e per il destinatario – Non applicabile

 

Con circolare del 16 giugno 2016, il Ministero della Giustizia ha comunicato che, al fine di consentire l'aggiornamento con le ultime modifiche evolutive, i sistemi della Giustizia Civile saranno interrotti:

- presso gli uffici del distretto della Corte d'Appello di Milano, a partire dalle ore 15,30 del 17 giugno 2016 e sino alle ore 8,00 del 20 giugno;

- presso gli altri uffici giudiziari, a partire dalle ore 15,30 dell' 1 luglio e sino alle ore 8,00 del giorno 4 luglio.

Durante il periodo di interruzione non saranno disponibili i servizi di consultazione dei registri, sarà in ogni caso possibile per gli utenti esterni effettuare il deposito telematico degli atti presso gli uffici giudiziari interessati, salvo il ritardo nella ricezione dell'esito dei controlli automatici di cancelleria.

 

Il dettaglio delle modifiche evolutive è illustrato nella circolare allegata:

Link alla circolare DGSIA del 16 giugno 2016

 

Si segnala inoltre che, in data 8 giugno 2016, è stata pubblicata sul Portale dei Servizi Telematici una versione aggiornata degli XSD del Processo Civile Telematico:

Link alla news sul PST

Link ai file XSD aggiornati - giugno 2016

In collaborazione con www.processociviletelematico.it

Venerdì 24 giugno 2016 dalle 14:30 alle 17:30 presso l'auditorium di Open Dot Com S.p.A. - Corso Francia 121/d, 12100 Cuneo si svolgerà:

2020 Innovare e organizzare lo studio legale al tempo del PCT

Un evento dedicato agli avvocati che vogliono approfondire, dal punto di vista pratico e normativo, i temi di attualità del processo civile telematico e che desiderano puntare sempre di più sull'innovazione del proprio studio al fine di acquisire maggiore competitività.

La locandina dell'evento

 

 

La partecipazione è gratuita ed il convegno é accreditato dall'Ordine degli Avvocati di Cuneo con n. 3 crediti formativi.

INFO E CONTATTI: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

ISCRIZIONE SU EVENTBRITE

 
 

Sottocategorie