Se il 2014 è stato l’anno dell’obbligatorietà e il 2015 quello della definitiva affermazione e della capillare diffusione del processo civile telematico – che, nonostante le fosche previsioni di alcuni, ha dimostrato di essere un sistema solido e stabile – il 2016 è senz’altro l’anno dei processi telematici. Penale, amministrativo, tributario: il legislatore ha imboccato senza ripensamenti la strada dell’informatizzazione di ogni settore della giurisdizione.

Pur continuando ad occuparci principalmente di processo civile telematico, riteniamo opportuno mantenerci aggiornati anche sulle novità che l’informatica giudiziaria in tutte le sue sfaccettature ci riserva ormai quotidianamente.

Anzi, il confronto fra le diverse modalità con cui le tecnologie informatiche vengono implementate nelle diverse procedure, può aiutarci a comprendere meglio potenzialità e limiti dell’attuale processo civile telematico, offrendo spunti interessanti per un suo costante miglioramento.

Non solo. L’avvocato moderno, l’emigrante digitale, non utilizza il computer solo per il PCT. Fatturazione elettronica, accesso alle banche dati, rapporti con clienti, colleghi, aziende, pubbliche amministrazioni e altri professionisti: molte di queste attività vengono ormai svolte tramite internet e si pongono delicate questioni di privacy e di sicurezza informatica, che non possono essere ignorate.

Tutto ciò che non riguarda il processo civile telematico sarà inserito nella nuova sezione Non solo PCT. In home page i nuovi contenuti verranno periodicamente segnalati con news dedicate.

Buona lettura!

 

L’Ordine degli Avvocati di Varese, in collaborazione con Agenda Digitale Giustizia, presenta un incontro dedicato al processo telematico e al confronto con le esperienze degli utenti.

Durante l'incontro, che avrà luogo giovedì 24 marzo a partire dalle ore 20.30,  a Varese, presso il Teatro Nuovo, in via dei Mille 39, sarà possibile assistere alla rappresentazione teatrale "Carciofi, Mastrolire e il dott. Sacripanti".

 

 

La partecipazione all'evento è aperta a tutte le componenti del mondo giudiziario locale e ad ingresso libero. Sono riconosciuti 3 crediti formativi per gli Avvocati.

Locandina

 

 

di Filippo Pappalardo* – Marco Mendola**

Versione adattata e tradotta: Marco Mendola, Filippo Pappalardo, 'The Processo Civile Telematico and the Italian legal framework: a perspective', 2015, si v. http://journals.sas.ac.uk/deeslr/article/view/2213

 

Abstract

Il 30 giugno 2014 il Ministero della Giustizia ha introdotto il Processo Civile Telematico (PCT) nell’ordinamento giuridico italiano. Lo scopo principale del PCT è di aumentare la disponibilità di servizi giudiziari on-line, migliorando allo stesso tempo lo scambio dei documenti tra giudici, personale di cancelleria e professionisti (avvocati, ausiliari del giudice) nell’ambito del processo civile.

Dopo poco più di un anno siamo in grado di redigere un bilancio provvisorio. Innanzi tutto presenteremo lo stato dell’arte, supportato da statistiche, per far luce sugli sviluppi e sulle ultime tendenze del PCT. In secondo luogo analizzeremo una recente decisione del Tribunale di Milano, che evidenzia la profonda influenza del nuovo PCT all’interno dell’attuale quadro normativo italiano. Infine saranno presentati alcuni spunti di riflessione per mettere a fuoco i necessari cambiamenti futuri.

 

 

L’Ordine degli Avvocati di Monza, in collaborazione con Agenda Digitale Giustizia, presenta un incontro dedicato al processo telematico e al confronto con le esperienze degli utenti.

L'incontro avrà luogo mercoledì 16 marzo a Monza presso il Teatro Villoresi, in piazza Carrobiolo 8, e sarà preceduto dalla rappresentazione teatrale "Carciofi, Mastrolire e il dott. Sacripanti".

 

La partecipazione è gratuita e dà diritto a 2 crediti formativi in ORDINAMENTO DEONTOLOGICO, prenotandosi attraverso la piattaforma "FormaSfera", accessibile dal sito dell’Ordine degli Avvocati di Monza.

 

Locandina

 

 

 

Entra in vigore oggi, 15 febbraio 2016, il Decreto 19 gennaio 2016 (G.U. 21.1.2016, n. 16), che ai sensi del'art. 16, comma 10 del d.l. n. 179/2012, prevede l'invio per via telematica delle comunicazioni e notificazioni da parte delle cancellerie delle sezioni civili della Corte di cassazione.

Inoltre, come segnalato sul Portale dei Servizi Telematici, presso la Suprema Corte è stata attivata la consultazione dei registri civili e penali.

Il processo civile telematico applicato fa dunque il suo ingresso in Cassazione, seguendo lo stesso iter utilizzato negli uffici di merito: attivazione - in una prima fase - della consultazione dei registri e delle comunicazioni e notifiche inviate dalle cancellerie; apertura - in un secondo momento - alla possibilità di deposito telematico, per il momento in fase di test, secondo schemi XSD già aggiornati in più occasioni (20 gennaio, 11 febbraio, 16 marzo 2015).

Decreto 19 gennaio 2016

Sottocategorie